Benedetto XVI

index_benxvi.jpg
Benedetto XVI gesti piccolo.jpg
L’Obolo di San Pietro è l’espressione più tipica della partecipazione di tutti i fedeli alle iniziative di bene del Vescovo di Roma nei confronti della Chiesa universale

L’Obolo di San Pietro è l’espressione più tipica della partecipazione di tutti i fedeli alle iniziative di bene del Vescovo di Roma nei confronti della Chiesa universale. È un gesto che ha valore non soltanto pratico, ma anche fortemente simbolico, come segno di comunione col Papa e di attenzione alle necessità dei fratelli.

(Discorso ai Soci del Circolo di San Pietro, 25 febbraio 2006)

Il cuore del cristiano è un cuore che vede dove c’è bisogno di amore e agisce in modo conseguente

È perciò molto importante che l’attività caritativa della Chiesa mantenga tutto il suo splendore e non si dissolva nella comune organizzazione assistenziale, diventandone una semplice variante […] Il programma del cristiano – il programma del buon Samaritano, il programma di Gesù – è un cuore che vede. Questo cuore vede dove c’è bisogno di amore e agisce in modo conseguente.

(Lettera enciclica Deus caritas est, 25 dicembre 2005)

Non ci sarà mai una situazione in cui non occorra la carità di ciascun singolo cristiano, perché l’uomo ha e avrà sempre bisogno dell’amore

La Chiesa non può mai essere dispensata dall’esercizio della carità come attività organizzata dei credenti e, d’altra parte, non ci sarà mai una situazione in cui non occorra la carità di ciascun singolo cristiano, perché l’uomo, al di là della giustizia, ha e avrà sempre bisogno dell’amore.

(Lettera enciclica Deus caritas est, 25 dicembre 2005)

POCO O MOLTO NON IMPORTA. DONARE È UNA GIOIA