Grecia

191_banner.jpg
Dall'Obolo un segno di speranza per il popolo dell'isola di Lesbo
191_banner.jpg

L'Obolo di San Pietro ha donato 50mila euro in favore delle vittime del terremoto che il 12 giugno 2017 ha devastato il sud dell'isola di Lesbo, in Grecia. I fondi sono stati devoluti al villaggio ortodosso di Vrisa, raso al suolo dopo la prima scossa. 

Il forte sisma, pari a 6.3 gradi della scala Richter, ha danneggiato edifici e abitazioni, provocando la morte di una donna e decine di feriti. Nel villaggio vivono circa 600 persone, molte delle quali sono state costrette ad abbandonare le proprie case. 

L'offerta destinata dalla Santa Sede rappresenta un segno di speranza e di carità ed ha anche “un grande valore dal punto di vista ecumenico”, come spiegato dall’incaricato d’affari della Nunziatura, Mons. Massimo Catterin. “A beneficiarne sarà una popolazione a maggioranza ortodossa. A Lesbo infatti i cattolici sono appena 50”.

POCO O MOLTO, NON IMPORTA.
DONARE È UNA GIOIA.