Grecia

_AAA0130aem.jpg
Papa Francesco dona 100 mila euro a Caritas Hellas per sostegno migranti
_AAA0130aem.jpg

L’8 maggio 2019, il Cardinal Konrad Krajewski ha visitato i campi profughi di Moria e Kara Tepe prima di concludere il suo viaggio tra i migranti di Lesbo, accompagnato da S.E. Mons. Jean-Claude Hollerich, Presidente della Comece, e S.E. Mons. Sevastianos Rossolatos, Arcivescovo di Atene. L’Elemosiniere apostolico si è fatto latore di una donazione di 100 mila euro come contributo all’opera preziosa della Caritas Hellas a favore di richiedenti asilo e rifugiati: a riceverla Maria Alverti, Direttrice della realtà caritativa della Chiesa locale, che ha partecipato alla missione.

Tale somma è un gesto di concreta solidarietà di Papa Francesco alle realtà che operano sul territorio, rinnovando la sollecitudine e la vicinanza a profughi e rifugiati ospitati nei campi di accoglienza locali, a tre anni dalla sua visita sull’isola greca. Proprio davanti al deteriorarsi delle condizioni di vita di questi migranti e a tanta sofferenza, “il Santo Padre – ha spiegato l’Elemosiniere apostolico – ha mandato un sostegno per Caritas Hellas che opera in questa zona: 100 mila euro per le prime necessità, ma Papa Francesco vuole soprattutto essere per questa gente un ponte verso una vita migliore, la ‘terra promessa’. Qui vediamo tanti bambini, tante donne incinte, che da mesi aspettano che l’Europa apra le porte, perché qui per loro non c’è nessuna speranza. Il Pontefice – ha concluso, ricordando la visita a Lesbo del 2016 – è partito da qui tre anni fa, ma è rimasto, non è uscito mai da questi campi profughi”.

POCO O MOLTO, NON IMPORTA.
DONARE È UNA GIOIA.